L’UNAR ( ufficio antidiscriminazioni razziali) FAVORISCE LE REALTA’ LGBT E L’IDEOLOGIA GENDER

 

 

 L’Ufficio anti-discriminazioni razziali della Presidenza del Consiglio dei Ministri (UNAR)  ha mostrato ancora una volta il proprio  orientamento a favore delle associazioni Lgbt e della ideologia gender.

Lo dimostra la squallida vicenda di cui parlano i giornali e che riguarda una associazione gay , assegnataria di un bando da 50 mila euro, bando ora revocato.

Più volte le Associazioni che fanno parte del Fonags ( il forum dei genitori costituito in seno al Ministero della Istruzione),  hanno denunciato i casi di scuole dove realtà accreditate dall’Unar introducevano materiale e iniziative ispirate alla ideologia gender con largo impiego di danaro pubblico.

Va ricordata la distribuzione nelle scuole di opuscoli dell’Istituto BecK “ Educare alla diversità a scuola “ poi ritirati e costati 25 mila euro.

Questo Ufficio, che si accredita come istituzionale,  agisce fuori dal suo mandato originario e non svolge alcuna funzione di garanzia.

 Forse è venuto il momento di una sua rifondazione perché  dovrebbe avere a fondamento della sua azione una sana politica educativa, orientata  a superare le discriminazioni razziali e non certo a favorire le attività LGTB.

La realtà dell’Unar è invece   una sempre più  intollerabile  discriminazione  verso quelle associazioni che operano per il diritto dei genitori all’educazione dei propri figli e contro ogni manipolazione educativa.

Forum associazioni familiari di reggio emilia