IL FORUM SCRIVE AI SINDACI E I SINDACI ….. NON RISPONDONO!


Le recenti elezioni amministrative che si sono svolte in quasi tutti i comuni della provincia sono state l’occasione per il nostro Forum di rendersi disponibile per un positivo rapporto con i Comuni sul ruolo sociale della famiglia, offrendo suggerimenti e spunti sulle scelte da fare in questo senso.

Prima delle elezioni è  stata inviato  a tutti i Sindaci un opuscolo ben documentato e corredato di dati aggiornati che spiega come si può aiutare la famiglia nei diversi cicli della sua evoluzione e propone gli interventi più idonei a garantire almeno gli attuali livelli di welfare.

Come è nello stile del Forum con forte spirito collaborativo nella ricerca di ciò che è meglio e che è buono per la famiglia e conseguentemente per la comunità.

Dopo le elezioni, nel giugno 2019, il Forum ha scritto una lettera a tutti i sindaci della nostra provincia che contiene una proposta : dare l’avvio ad un graduale esame di quanto si può fare in termini di politica familiare.

Instaurando però un metodo di lavoro che veda tutti allo stesso tavolo : consiglieri di maggioranza e di opposizione, associazioni che operano nel sociale , le famiglie numerose.

Fuori quindi dalla proposizione meccanica dei si e dei no. Il Forum si offre come servizio, lavorando sui dati e le tante problematiche della famiglia oggi con concretezza operativa e senso di responsabilità.

Può aiutare e molto l’organizzazione politico – amministrativa del territorio con le Unioni dei Comuni.

In sostanza una unità di intenti nei confronti della famiglia : una novità che può dare frutti significativi.

L’abbiamo detto tante volte : un nuovo modo di lavorare su questi temi può cominciare dalla CARTA FAMIGLIA che, per le sue caratteristiche , non presuppone l’impiego di tante risorse.

Recentemente un Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha stabilito le modalità operative per il rilascio e l’utilizzo della Carta.

Come è noto riguarda le famiglie numerose e cioè quelle con almeno tre figli conviventi di età non superiore ai 26 annI.

La Carta può consentire l’accesso a sconti sull’acquisto di beni e servizi o a riduzioni tariffarie da parte di soggetti pubblici e privati.

Come si vede è questa una misura che mette all’opera l’Ente pubblico, ma anche imprese e aziende private mediante convenzioni.

Appunto i “ COMUNI COME AMICI DELLA FAMIGLIA”, facendo in ogni territorio una ricognizione delle manifestazioni di interesse e pubblicizzando la diffusione della Carta.

Il Forum però non ha ricevuto alcun riscontro e nessuna manifestazione di interesse da parte dei Sindaci, fatta eccezione per il Sindaco del Comune di Correggio dott.sa Malavasi.

Torneremo ad offrire il nostro contributo , magari investendo le Unioni dei Comuni e quindi frazioni di territorio più vaste.

Nel linguaggio corrente , ed è positivo, sono definite comunità in senso pieno le realtà locali. Ma non solo per individuare gruppi sociali che abitano nello stesso territorio.

Ciò che fa comunità è il comune perseguimento di fini orientati al bene collettivo.