FAMIGLIA : BENE I DIBATTITI MA C’E’ BISOGNO DI PROVVEDIMENTI!


Occorre creare delle condizioni favorevoli alla costruzione della famiglia, quali il posto di lavoro e la casa.

Poi è necessaria una consapevolezza sulle politiche familiari che deve essere sistematica e orientata a seguire tutte la fasi della famiglia nel suo divenire.

La nascita del primo figlio necessita di una adeguata offerta di servizi per la prima infanzia ( nidi e materne) a costi contenuti.

La nascita di ulteriori figli propone subito la conciliazione dei tempi di lavoro e famiglia e comporta una perdita di potere di acquisto.

Le tariffe e le imposte vanno calibrate in proporzione al numero dei figli per recuperare il potere di acquisto delle famiglie.

E’ un dato certo che uno dei compiti principali della famiglia è quello della cura verso gli anziani e i disabili, favorendo la loro permanenza nell’ambito familiare.

E’ un fatto di grande rilevanza sociale che non può non essere sostenuto da una società consapevole.

Le tariffe dei servizi comunali che riguardano i nidi , le materne, le mense, i trasporti debbono essere modulate  in base ai carichi familiari.

Le tariffe di gas, luce, acqua e di raccolta dei rifiuti sono oggi penalizzanti proprio per i nuclei numerosi.

Tanto si puo’ fare per il recupero del potere d’acquisto con l’introduzione della Carta Famiglia che prevede una scontistica attraverso convenzioni da parte di esercizi commerciali, alberghi, cinema e musei, attività sportive, trasporti pubblici.

Qui il ruolo dei comuni diventa determinante senza provocare pesanti conseguenze sui bilanci.

E’ il Fattore Famiglia.Non a caso su questa direzione di marcia il Forum delle Associazioni Familiari di Reggio Emilia ha elaborato  una proposta di sistema che è già nelle mani dei Sindaci della nostra provincia e che si cerca di far conoscere nel vasto ambito delle realtà sociali.

Il dibattito sulla famiglia acquista così una consistenza e una efficacia.

La politica deve assumersi precise responsabilità e assumere provvedimenti di welfare con una visione di lungo periodo.

Abbiamo ascoltato in questi giorni un diluvio di parole : se non vogliamo che diventino vuote di significato  è necessario che la politica si assuma impegni precisi e credibili.